Startup nel cratere del terremoto: Dolci Amori del Gran Sasso

Andare controcorrente

Piermichele Dolceamore, imprenditore coraggioso, ci ha raccontato, nella bellissima presentazione della sua azienda, come si possa fare impresa in un territorio duramente colpito dai vari terremoti.

Per farci apprezzare tutte le sfumature del racconto, Piermichele è partito da lontano, dalla sua esperienza più che decennale in un’altra azienda dolciaria, che ha un grande stabilimento sempre nel territorio di Isola del Gran Sasso, presso la quale era responsabile assieme ad i suoi attuali soci Gianluca Tiberii e Bruno Merlini.

Da questa esperienza i tre hanno saputo trarre tutte le opportune conoscenze che oggi riversano nella loro azienda, “Dolci Amori del Gran Sasso“, nata in parte da un progetto calcolato e programmato e in parte dalle chiacchiere estive tra vicini d’ombrellone, come spesso accade alle migliori idee.

Ovviamente molto si è insistito sul Gluten free, dato che l’intera linea di produzione è priva di glutine e senza olio di palma. A proposito dell’olio di palma, Piermichele ci ha divertiti tutti con un aneddoto commerciale: le ricette di biscotti e crackers erano già pronte e prevedevano olio di palma, ma data la poca simpatia commerciale di questo prodotto, si sono dovute riscrivere prevedendo la sostituzione con altri oli vegetali.

L’incontro si è chiuso con una favolosa degustazione dei più svariati prodotti che la Dolci Amori del Gran Sasso produce per la sua linea, oltre alle linee gluten free prodotte per conto terzi. Inutile dirvi che abbiamo apprezzato moltissimo questo momento conviviale!

Dolci Amori del Gran Sasso

Alla fine della merenda, con le pance piene delle bontà offerte, Piermichele ci ha invitati tutti ad andarlo a trovare ad Isola del Gran Sasso. Non tanto e non solo per rifornirci di dolcezze, ma perché, secondo lui, il panorama delle nostre montagne è cibo per l’animo tanto quanto i suoi biscotti lo sono per il corpo. Ed è anche per questo che ha scelto di rimanere in un territorio “difficile”.

 

Ti è piaciuto l’articolo? Potrebbero interessarti anche questi:

 

Le differenze fra un Coworking base Community ed un Coworking standard (Parte 1)

In apnea, il mio metodo. Incontro con Marco Chiarini

 

Post Your Thoughts